▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

l'italia continua la sua sudditanza all'Imafia

crisi o non crisi,

cade o non cade,

decade o non decade,

ma cosa o meglio, chi gli italiani o gli imafiani,

beh di italiani in giro ce ne sono pochi al contrario degli imafiani che abbondano.

Degli italiani potremmo dire tutto ed il suo contrario ma li riconoscevi

erano bianchi o neri, guelfi o ghibellini, peppone o don camillo,

diciamo che avevano per buona parte della loro vita una certa coerenza.

Poi arrivò il losco, colui che cambiava le regole del gioco mentre si giocava,

un individuo così poco propenso all'amore e allo spirito del gioco della vita,

che era disposto a tutto pur di vincere, alla faccia di "Pierre de Coubertin

« L'importante non è vincere ma partecipare. La cosa essenziale non è la vittoria ma la certezza di essersi battuti bene. » ",

utilizzando, travisando e reinterpretando tutti i mezzi utili compresi quelli del 'Principe di Macchiavelli',

il suo fine giustifica i suoi mezzucci,

Ecco come l'Italia si è modificata socialmente, culturalmente e umanamente diventando Imafia,

tutto è corrotto, tutti sono corrotti, l'unica fonte di informazione è la televisione,

una FINESTRA SUL PORCILE, con un paese fantasma appunto l'Italia,

e un'altro luogo in cui l'Imafia governa e presiede,

comunque andrà questa farsa, i miei unici punti fermi rimarranno i commenti delle persone che incontro nella vita di tutti i
giorni,

tutto il resto è un fake!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

KING CRIMSON №6 Heartbeat2baret

0 commenti:

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina