▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

pd sastro

piesilvio bersani versus piersilvio renzi
due espressioni della stessa faccia da ....

continua ...

perseguitato dalla legalità e dal buon senso

Il delinquente è l'individuo che commette un fatto anti-sociale ritenuto reato dalla legge penale. La delinquenza è una condotta illegale contro le persone, i beni e le proprietà altrui. In essa possono intendersi tutti i reati contro la persona, il patrimonio ed ogni proprietà in genere. Sono quindi da considerare dei delinquenti i ladri, gli scippatori, gli assassini, i trafficanti di droga, i contrabbandieri, i falsari e via dicendo.

Non è da ritenersi delinquente un qualsiasi reo ma soltanto il reo che commette un delitto naturale, cioè un delitto contro la persona, contro la proprietà pubblica o privata, contro il buon costume. Pertanto dal novero dei delinquenti sono esclusi coloro che commettono reati di lieve entità oppure dipendenti dall'eccezionalità del momento, essendo riservata tale qualificazione soltanto ai soggetti che si macchiano di reati ritenuti da sempre, indipendentemente dal momento storico, fatti anti-sociali.

le opere

Esito Capi di imputazione
Sentenze di non doversi procedere Prescrizione
Intervenuta amnistia
Sentenze di assoluzione Il fatto non costituisce più reato
Insussistenza del fatto
Procedimenti archiviati
Procedimenti in corso
  • Corruzione dell'avvocato David Mills[3]
    Presunta corruzione dell'avvocato David Mills per indurlo a compiere una falsa testimonianza nei processi All Iberian e Arces
  • Compravendita di diritti televisivi
    Frode fiscale, falso in bilancio, appropriazione indebita
  • Prostituzione minorile
    Presunti rapporti sessuali che avrebbe intrattenuto fra il febbraio e il maggio 2010 con tale Kharima el Marhoug, minorenne all'epoca dei fatti
  • Concussione aggravata
    Nei confronti di funzionari della Questura di Milano per ottenere il rilascio di Kharima el Marhoug, trattenuta negli uffici di polizia nel maggio 2010 perché accusata di furto, e il suo affidamento alla consigliere regionale lombarda del Pdl Nicole Minetti
  • Inchiesta Mediatrade di Roma
    Evasione fiscale e reatri tributari. L'inchiesta di Roma è uno stralcio dell'inchiesta Mediatrade effettuata dai giudici milanesi.
  • Inchiesta di trani
    Abuso d'ufficio per le pressioni esercitate sul Presidente dell'AGCOM
http://it.wikipedia.org/
e l'Italia va ...

continua ...

ove sarà possibile, c'è il web

continua ...

La colata


(di Ferruccio Sansa, Andrea Garibaldi, Antonio Massari, Marco Preve, Giuseppe Salvaggiulo)

"Indignatevi, rapidamente. Non lasciate che deturpino il vostro bene più prezioso... Chiamate a raccolta tutti." Luca Mercalli, meteorologo

L'Italia è uno dei paesi più belli al mondo. Ha la maggiore concentrazione di beni culturali e centri storici, le più famose città d'arte. Tutto questo è la nostra ricchezza. Rischiamo di perderla, per sempre. Il partito del cemento avanza e non lo ferma più nessuno. Dal nord al sud la febbre del mattone coinvolge banchieri, cardinali, sindaci, deputati di destra e di sinistra. Tutti vogliono guadagnarci, a partire dai Comuni.

Così la ricchezza degli italiani vola via. Pensate che tra il 1990 e il 2005 sono stati divorati 3,5 milioni di ettari, cioè una regione più grande di Lazio e Abruzzo messi insieme (la Liguria tra il 1990 e il 2005 si è mangiata quasi la metà del territorio ancora libero!). Il tutto a un ritmo di 244.000 ettari all'anno (in Germania 11.000 all'anno).

Ciò nonostante troppi italiani sono senza casa perché mancano gli alloggi "sociali" (solo il 4 per cento sul totale contro il 18 per cento della Francia, il 21 per cento del Regno Unito). Intanto 5500 comuni su 8000 sono a rischio di dissesto idrogeologico. I soldi per il ponte di Messina ci sono, per le frane no.

Gli autori di questo libro sono andati a vedere l'Italia com'è e la raccontano con nomi e cognomi di affaristi, banchieri, cardinali, sindaci e deputati: la Sardegna di nuovo in mano agli speculatori, le Langhe trasformate in shopville, l'invasione di seconde case sulle Alpi (costruiscono persino sulla Marmolada!), il Brenta violentato, gli affari della Chiesa nelle città liguri, le grandi operazioni di Ligresti e dei soliti noti a Milano, di Caltagirone e dei soliti noti a Roma, la storia triste di Bagnoli. Neanche Siena e Firenze vengono risparmiate. E ritorna la febbre da stadi e autodromi, nuove occasioni per ulteriori speculazioni. Ma cosa gliene viene agli italiani di tutto questo? Meno male che non tutti abbassano la testa. Comitati di cittadini si stanno formando in Veneto, Toscana, a Milano, in tanti centri grandi e piccoli. La legge del 1986 che stabilisce le norme per danno ambientale è dalla loro. Per questo adesso molti la vogliono cambiare.

link

continua ...

i mama anno dopo anno continuano a colpire

i maiali mafiosi del partito del cervello di cemento continuano a mietere stragi ogni anno,
e vivono sui loro scranni dorati mentre cittadini inconsapevoli muoiono senza giustizia.
quando saranno colpevoli ,questi amministratori, tecnici e politici corrotti fino al midollo, di omicidio, concorso in omicidio, strage e disastro ambientale ?
la vera calamità sono loro.

Alluvione a Spezia: pioggia e cemento


Piogge e fiumi di fango devastano il Nord. Liguria e Toscana in ...

Adnkronos/IGN 
Genova - (Adnkronos/Ign) - Almeno 8 i dispersi. Centinaia gli sfollati. Frane, crolli, allagamenti, strade chiuse e treni bloccati a causa del nubifragio. Nuova allerta per oggi al Nord, in particolare in Veneto e Friuli. Domani la perturbazione si ...

MALTEMPO: FLAGELLATE LIGURIA E TOSCANA, FINORA ALMENO 6 MORTI

Agenzia di Stampa Asca 
Il maltempo flagella Liguria e Toscana. Finora si contano 6 morti e altrettanti dispersi, tra lo spezzino e la Lunigiana. Appare invece sotto controllo, e meno violenta del temuto, la perturbazione su Roma, da ieri in allerta per un possibile ''bis'' ...

MALTEMPO/LIGURIA: SALGONO A 4 VITTIME CROLLO BORGHETTO VARA

Agenzia di Stampa Asca 
(ASCA) - La Spezia, 26 ott - Sono saliti a quattro i morti per il crollo di due abitazioni, in via IV Novembre, in localita' Cassana di Borghetto Vara. Lo ha reso noto la sala operativa regionale della Protezione Civile della Regione Liguria dove il ...

Nord nel fango, salgono a sei le vittime

Corriere della Sera 
MILANO - Il maltempo mette in ginocchio la Liguria e la Toscana. Frane, allagamenti, autostrade e strade chiuse, treni bloccati. Il bilancio dell'alluvione che ha colpito lo Spezzino e anche la Lunigiana è pesante. Secondo fonti delle prefetture, ...

Alluvione in Liguria e Toscana: 6 morti Vernazza, scatta l ...

TGCOM 
Vernazza, scatta l'evacuazione via mare. Il sindaco di Monterosso: il mio paese non esiste più E' salito a sei il bilancio dei morti nell'alluvione che ha colpito lo Spezzino e la Lunigiana. Si cercano ancora alcuni dispersi. Il sindaco di Monterosso ...

Alluvione in Liguria e Toscana: 6 morti

ilVelino/AGV Agenzia Giornalistica il Velino 
il Velino/AGV presenta, in esclusiva per gli abbonati, le notizie via via che vengono inserite. Roma - Si cercano otto dispersi. Allerta meteo anche in Veneto e Friuli. Pioggia su Roma, ma niente allarme Roma - L'ondata di maltempo che attraversa in ...

MALTEMPO LIGURIA, 5 MORTI. ROMA, ALLARME NUBIFRAGIO. LE FOTO, LA ...

Leggo Online 
LA SPEZIA - Si inasprisce il bilancio dell'alluvione che ha colpito lo spezzino e la lunigiana. Le prefetture parlano di 5 morti e 8 dispersi. Il corpo della quinta vittima è stato recuperato ad Aulla (Massa Carrara). E al momento sono due le case ...

Maltempo al nord, 6 morti e otto dispersi

La Repubblica 
E' il bilancio, ancora provvisorio, delle violente piogge abbattutesi su Liguria e Toscana. Le zone più colpite sono quelle nel Levante ligure, in provincia di La Spezia, dove sono morte quattro persone, e nella Lunigiana, dove nella notte è stato ...

Maltempo: 5 morti e 8 dispersi in Liguria e Toscana

Reuters Italia 
MILANO (Reuters) - Cinque persone sono morte e altre otto risultano attualmente disperse in seguito all'ondata di maltempo che ha colpito ieri la Liguria e la Toscana, con pesanti disagi alla circolazione che rendono difficili i soccorsi. ...

Maltempo: per oggi è previsto il peggio, Penisola sotto acqua

politicamentecorretto.com 
"Il nucleo del maltempo si concentra oggi: nella giornata è previsto il peggio, con la l'intera penisola sotto la pioggia", lo afferma Mario Giuliacci, meteorologo del Centro Epson meteo, a proposito dell'evoluzione del maltempo sul nostro Paese. ...

Nubifragio in Toscana e Liguria, tragico bilancio: 5 morti e 8 ...

Notizie Fresche 
E' tragico il bilancio delle vittime del maltempo che si è abbattutto in particolare su Toscana e Liguria: la Prefettura al momento parla di 5 morti e 8 dispersi. Ad Aulla (Massa Carrara) è stato recuperato il corpo della quinta vittima. ...

Alluvione in Liguria, cani cercano persone. Ferrovie chiuse fino a ...

Meteo Web 
E' arrivato a Brugnato un nucleo cinofilo specializzato nelle ricerche delle persone. Quattro uomini e un cane, un esemplare giovane di pastore tedesco, si sono incamminati a piedi in mezzo al fango verso il centro del Paese, nella zona in cui il fiume ...

Maltempo Liguria: ultime notizie 26 Ottobre 2011

Newspedia 
Maltempo Liguria: ultime notizie 26 Ottobre 2011. Violenti temporali si sono abbattutesi al nord Italia. Le zone maggiormente colpite sono state nelle regioni della Liguria e della Toscana, in particolar modo sul levante ligure, in provincia di La ...

Maltempo, alluvione in Liguria e Toscana: le autostrade chiuse

Automobili10 
Nella giornata di ieri violente piogge si sono abbattute sulle Regioni Liguria e toscana: al momento il bilancio è di 5 morti e 8 dispersi, si teme che le cifre possano aumentare nelle prossime ore. Le due Regioni sono in ginocchio e pagano lo scotto ...

Dramma maltempo in Liguria: Monterosso non c'è più (video)

Il Salvagente 
Scompare sotto l'acqua la perla delle 5 Terre. Evacuata via mare anche Vernazza. L'allerta della Protezione civile: "Restate a casa". La Liguria è nel caos, flagellata dal maltempo che da ieri si abbatte su tutta la regione: 5 le vittime, 8 i dispersi. ...

Maltempo: 5 morti e 8 dispersi tra Liguria e Toscana

Savona news
La protezione civile conferma. Sono tre le vittime del crollo a Borghetto Vara e due in provincia di Massa. Mentre sono stati fortunatamente ritrovati vivi due turisti scomparsi a Vernazza Sono tre i morti per il crollo della casa in località Cassana ...

Maltempo: 5 morti e 7 dispersi tra Spezzino e Lunigiana

Tg1 - www.tg1.rai.it 
LA SPEZIA – Sono cinque le vittime dell'alluvione che ha colpito lo Spezzino e la Lunigiana. I dispersi sarebbero sette. Il corpo della quinta vittima è stato recuperato ad Aulla (Massa Carrara). TRE VITTIME A CASSANA. Sono stati estratti dalle macerie ...

Maltempo al Nord Italia: cinque vittime e otto dispersi

fanpage 
Sale a cinque il bilancio delle vittime del maltempo che sta devastando alcune regioni del Nord Italia. La situazione è critica ei soccorsi a La Spezia e Massa Carrara particolarmente difficili. La perturbazione intanto continua e si sposta al ...

Liguria,ritrovati vivi turisti dispersi

Il Giornale di Pozzallo 
Posted by admin on ott 26th, 2011 and filed under Sicilia. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. You can skip to the end and leave a response. Pinging is currently not allowed. Sono stati ritrovati vivi i due turisti stranieri ...

Maltempo (2). A Borghetto i morti sono saliti a sette

Levante News 
Dalla Regione Liguria riceviamo e pubblichiamo. Ai quattro morti di Borghetto, se ne aggiungono altri tre Sono tre i morti per il crollo della casa in località Cassana di Borghetto Vara. Lo conferma la sala operativa regionale della Protezione Civile ...

Maltempo: Liguria e Toscana causa nubifragio 4 morti e 6 dispersi

Altopascio.info 
Il nubifragio ha creato danni e distruzioni ovunque, tra crolli ed esondazioni di fiumi e corsi d'acqua. Purtroppo sono state registrate anche delle vittime, ed il numero, probabilmente, è destinato a aumentare per via dei dispersi. ...

Maltempo, tocca al Nord: 5 morti e 8 dispersi tra Liguria e Toscana

Diregiovani 
ROMA - Piove, e la tragedia arriva puntuale. Stavolta è il nord a dover fare i conti con i danni del maltempo. In particolare Liguria e Toscana le regioni più colpite, con un triste bilancio di cinque morti e otto dispersi. ...

Maltempo: 5 morti e 8 dispersi tra Liguria e Toscana

Corrispondenti.net 
Il maltempo si abbatte sul nord Italia causando alluvioni e seri danni in Liguria e Toscana. Le cronache parlano di almeno 500 millimetri di pioggia che in poche ore hanno causato lo straripamento di fiumi e torrenti nelle due regioni. ...

Emergenza maltempo in Liguria, almeno cinque i morti. Oggi allerta ...

Il Fatto Quotidiano 
La zona più colpita è quella delle Cinque Terre, ma i soccorsi tardano ad arrivare a causa delle frane sulle strade. Chiusi preventivamente alcuni tratti della A12 e A15. A rischio anche Roma, dove è in corso un nubifragio Cinque morti e almeno otto ...

Maltempo: 5 morti e 8 dispersi. Attivo il Comitato operativo del ...

Volontariatoggi.info 
GENOVA. In Italia è allerta maltempo, che ha causato cinque morti e otto dispersi fra Liguria e Toscana. Il Comitato operativo convocato dal Capo Dipartimento della Protezione civile sta seguendo con attenzione, in contatto con le prefetture, ...

Alluvione sulle Cinque Terre Tre morti e cinque dispersi

La Repubblica 
A Borghetto Vara crolla una casa: tre vittime. Ancora sotto le macerie due persone. In corso l'evacuazione del paese. A Pignone un altro crollo. Restano isolate alcune frazioni dell'entroterra e due delle Cinque Terre. Chiusa l'autostrada tra Sestri ...

Piogge e fiumi di fango devastano il Nord. Liguria e Toscana in ...

Adnkronos/IGN 
Genova - (Adnkronos/Ign) - Frane, crolli, allagamenti, strade chiuse e treni bloccati a causa del nubifragio. Nuova allerta per oggi al Nord, in particolare in Veneto e Friuli. Domani la perturbazione si estende a Centro-Sud. ...

5 morti e 6 dispersi per il maltempo: Liguria e Toscana

il Democratico 
E' di 5 morti e almeno 6 dispersi il tragico bilancio del nubifragio che ha colpito Liguria e Toscana. Nello spezzino tre persone sone morte nel crollo di un edificio a Borghetto Vara. A Pignone si registrano tre dispersi. ...

Maltempo Roma: allarme meteo anche in Liguria

Newspedia 
Maltempo Roma: allarme meteo anche in Liguria. La Liguria è in ginocchio per il maltempo. Le violente piogge che si sono abbattute ieri e oggi sulla parte settentrionale della Penisola hanno colpito in maggior misura la Liguria con picchi di crisi ...

MALTEMPO IN LIGURIA, 5 MORTI. ROMA, ALLARME NUBIFRAGIO. LE FOTO ...

Leggo Online 
LA SPEZIA - Si inasprisce il bilancio dell'alluvione che ha colpito lo spezzino e la lunigiana. Le prefetture parlano di 5 morti e 8 dispersi. Il corpo della quinta vittima è stato recuperato ad Aulla (Massa Carrara). E al momento sono due le case ...

continua ...

legittima indecenza

fugge sempre dalle proprie responsabilità: il cavalier impedito. il
può essere presidente di qualcosa o di qualcuno ?


i capi si distinguono per essere davanti, in testa alle azioni dei loro popoli
non nascosti nelle più anguste segrete, difesi da piccoli azzeccagarbugli, come normali criminali



il presidente dei conigli 'OTTIENE IL LEGITTIMO IMPEDIMENTO'

continua ...

il mummia

continua ...

b e il suo parlamento di ignavi, acquisiti o ricattati


I cosiddetti ignavi sono una categoria di peccatori incontrati da Dante Alighieri nell'Antinferno, durante la narrazione del suo ipotetico viaggio nel regno dell'oltretomba.

Essi sono aspramente descritti nel Canto III dell'Inferno.

Questi dannati sono coloro che durante la loro vita non agirono mai né nel bene né nel male, senza mai osare avere una idea propria, ma limitandosi ad adeguarsi sempre, tra essi sono inseriti anche gli Angeli che non si schierarono nella battaglia che Satana perse contro Dio.

Dante li inserisce qui perché li giudica indegni di meritare sia le gioie del Paradiso, sia le pene dell'Inferno, a causa proprio del loro non essersi schierati né a favore del bene, né a favore del male. Sono costretti a girare nudi per l'eternità attorno a una insegna – non descritta, forse di una vana bandiera – punti da vespe e mosconi. Il loro sangue, unito alle loro lacrime, si mescola al fango dell'Inferno, come se questi dannati fossero dei cadaveri, morti viventi sepolti vivi, col corpo straziato dai vermi.

«  E io ch'avea d'error la testa cinta,
dissi: "Maestro, che è quel ch'i' odo?
e che gent'è che par nel duol sì vinta?".
Ed elli a me: "Questo misero modo
tegnon l'anime triste di coloro
che visser sanza 'nfamia e sanza lodo.
Mischiate sono a quel cattivo coro
de li angeli che non furon ribelli
né fur fedeli a Dio, ma per sé fuoro.
Caccianli i ciel per non esser men belli,
né lo profondo inferno li riceve,
ch'alcuna gloria i rei avrebber d'elli".
E io: "Maestro, che è tanto greve
a lor che lamentar li fa sì forte?".
Rispuose: "Dicerolti molto breve.
Questi non hanno speranza di morte,
e la lor cieca vita è tanto bassa,
che 'nvidïosi son d'ogne altra sorte.
Fama di loro il mondo esser non lassa;
misericordia e giustizia li sdegna:
non ragioniam di lor, ma guarda e passa". »

continua ...

l' ipocrita


L'ipocrisia è la qualità della persona che volontariamente pretende di possedere credenze, opinioni, virtù, ideali, sentimenti, emozioni che in pratica non ha. Essa si manifesta quando la persona tenta di ingannare con tali affermazioni altre persone, ed è quindi una sorta di bugia.

"SIC TRANSIT GLORIA MUNDI"




All'esterno mostravano una splendida figura, covando nel loro interno il loro cupo pensiero reale

continua ...

Berlusconi è una bomba ad orologeria

Cacciate Berlusconi dal governo di Yascha Mounk

ItaliaDallEstero.info

Silvio Berlusconi non è solo una catastrofe per l’Italia, ma sta diventando anche un serio pericolo per l’euro. A questo punto la Germania e la Francia dovrebbero costringerlo a dimissioni immediate.

Dobbiamo cacciare via Silvio Berlusconi dal potere, e subito.

Berlusconi è stato un danno per l’Italia sin dall’inizio. È entrato in politica soprattutto per tutelare se stesso e i suoi fedelissimi dai processi legali. Si è ritagliato leggi su misura per proteggere gli interessi delle sue imprese. Si è lasciato sfuggire l’occasione di modernizzare economicamente il paese. E continua a danneggiare la reputazione dell’Italia con le sue scappatelle sessuali e le sue imbarazzanti barzellette.

Più lento ed imprevedibile

Questi due decenni, in cui il panorama politico italiano è stato dominato da Berlusconi, sono stati quindi anni persi per il paese. L’economia italiana è molto meno dinamica oggi che nel 1992. Il sistema giuridico è ancora più lento e imprevedibile. La disoccupazione giovanile è aumentata nuovamente. Il nord e il sud sono ancora più distanti. La Mafia, la Camorra e la ‘Ndrangheta sono sempre più potenti. Nemmeno le tasse sono diminuite in maniera apprezzabile per l’italiano medio.

Berlusconi è stato quindi sin dall’inizio una catastrofe per il suo paese. La situazione durante questi ultimi anni è talmente peggiorata, che la sua ulteriore permanenza ora causerebbe danni immediati ed irreparabili. Poiché negli ultimi mesi l’Italia è caduta in una profonda crisi economica. Senza un governo determinato, che con mano saggia eviti una bancarotta, Roma tra poco diventerà la nuova Atene – e trasformerà l’euro in carta straccia, dato che nemmeno il fondo di stabilità europeo con tutti gli ulteriori finanziamenti concessi fino a ieri, sarebbe in grado di sostenere una bancarotta italiana.

Proprio durante questi mesi critici, Berlusconi si è permesso di nuovo il lusso di trovarsi al centro di clamorosi scandali sessuali, invischiato in difficoltà con la giustizia e in fondamentale contrasto con la sua coalizione al governo. A titolo di esempio: nelle stesse settimane, in cui Standard & Poor’s declassava la solvibilità dell’Italia, è stato reso noto che, Berlusconi si vantava, di dedicarsi al suo mandato politico solo nel tempo libero – cioé in quelle poche ore, in cui non era impegnato con le sue “pupe”. Nessuna meraviglia se poi i mercati finanziari si fidano poco di lui. Se gli astuti artisti della finanza oggi scommettono che l’Italia finirà presto indebitata fino al collo, questo dipende solo dal fatto che al potere continua ad esserci Berlusconi.

La Merkel e Sarkozy dovrebbero costringere Berlusconi a rassegnare le dimissioni

L’unica speranza per l’Italia e per l’euro perciò è una rapida sostituzione di Berlusconi con un Presidente del Consiglio al di sopra delle parti. Qualcuno come Mario Draghi, il governatore della Banca d’Italia, che sia capace e propenso a rischiare i passi necessari per l’abbattimento del debito pubblico e per la ripresa economica.

Ma Berlusconi, del cui operato frattanto neanche un quarto degli italiani si dichiara soddisfatto, non si dimetterà di sua iniziativa. E siccome il suo partito è diventato un’associazione elettorale capeggiata da un dittatore da quattro soldi – e molti deputati eletti percepiscono un doppio stipendio in quanto assunti proprio nei quotidiani e nelle imprese di Berlusconi – l’impulso per un suo abbandono dell’incarico dovrà venire per forza dall’esterno.

Per fortuna si prevede uno scenario semplice. Per il momento l’Italia può farsi prestare denaro solo in caso di necessità, poiché la BCE acquista titoli di stato italiani per miliardi di euro. Per cacciare Berlusconi dal potere, tutti i capi di governo degli altri paesi dell’eurozona dovrebbero solo chiedere pubblicamente le sue dimissioni. In alternativa, Angela Merkel e Nicolas Sarkozy dovrebbero costringere gli altri partner europei a rifiutarsi di acquistare altri titoli di stato italiani.

Berlusconi è una bomba ad orologeria

Ma questa intromissione, ammettiamolo, drastica non solo è giustificata in quanto un bene per l’Italia, ma non sarebbe che la logica conseguenza di ciò che adesso è nell’interesse immediato dei singoli paesi della zona euro, ossia tagliar fuori dalla scena politica Berlusconi nel più breve tempo possibile.

Finora sono stati gli elettori italiani a doversi vergognare per aver tollerato così a lungo Berlusconi. Ma se non ci diamo da fare in fretta, a breve avremo anche noi seri motivi per vergognarci, ma soprattutto dovremo pagarne le conseguenze, poiché Berlusconi è una bomba ad orologeria per l’euro e uno sgretolamento dell’euro sarebbe fatale anche per l’economia tedesca.

continua ...

il meglio , l'omologazione 2 (4 anni d'oppio)

perché cercare vie recondite quando il meglio é già il minimo a cui possiamo pretendere
noi schiavi e servili italiani privi di dignità e futuro.
Cosa puoi aspettarti dal cancro televisivo che ha una faccia corretta
dalla chirurgia plastica
se tu sei ignorante e credi a tutto ?

p.s.considerazioni durante la lettura di "scritti corsari " di
Pier Paolo Pasolini.
Avessimo capito qualcosa della nostra storia saremmo ai vertici
dell'umanità,
purtroppo rimaniamo servi dei  servi dei servi

continua ...

black blog

Soli

prendere coscienza di una socialità malata


é come guarire


29/04/07

continua ...

La crisi degli asini

Un uomo in giacca e cravatta è apparso un giorno in un villaggio. In piedi su una cassetta della frutta, gridò a chi passava che avrebbe comprato a 100 in contanti ogni asino che gli sarebbe stato offerto. I contadini erano effettivamente sorpresi, ma il prezzo era alto e quelli che accettarono tornarono a casa con il portafoglio gonfio, felici come una pasqua.

L’uomo venne anche il giorno dopo e questa volta offrì 150 per asino, e di nuovo tante persone gli vendettero i propri animali. Il giorno seguente, offrì 300 a quelli che non avevano ancora venduto gli ultimi asini del villaggio.

Vedendo che non ne rimaneva nessuno,annunciò che avrebbe comprato asini a 500 la settimana successiva e se ne andò dal villaggio....

Il giorno dopo affidò al suo socio la mandria che aveva appena acquistato e lo inviò nello stesso villaggio con l’ordine di vendere le bestie a 400 l’una. Vedendo la possibilità di realizzare un utile di 100 la settimana successiva tutti gli abitanti del villaggio acquistarono asini a quattro volte il prezzo al quale li avevano venduti e, per far ciò,si indebitarono con la banca.

Come era prevedibile, i due uomini d’affari andarono in vacanza in un paradiso fiscale con i soldi guadagnati e tutti gli abitanti del villaggio rimasero con asini senza valore e debiti fino a sopra i capelli. Gli sfortunati provarono invano a vendere gli asini per rimborsare i prestiti. Il corso dell’asino era crollato. Gli animali furono sequestrati ed affittati ai loro precedenti proprietari dal banchiere.

Nonostante ciò il banchiere andò a piangere dal sindaco, spiegando che se non recuperava i propri fondi, sarebbe stato rovinato e avrebbe dovuto esigere il rimborso immediato di tutti i prestiti fatti al Comune. Per evitare questo disastro, il sindaco, invece di dare i soldi agli abitanti del villaggio perché pagassero i propri debiti, diede i soldi al banchiere (che era, guarda caso, suo caro amico e primo assessore).

Eppure quest’ultimo, dopo aver rimpinguato la tesoreria,non cancellò i debiti degli abitanti del villaggio ne quelli del Comune e così tutti continuarono a rimanere immersi nei debiti.

Vedendo il proprio disavanzo sul punto di essere declassato e preso alla gola dai tassi di interesse, il Comune chiese l’aiuto dei villaggi vicini, ma questi risposero che non avrebbero potuto aiutarlo in nessun modo poiché avevano vissuto la medesima disgrazia.

Su consiglio disinteressato del banchiere, tutti decisero di tagliare le spese:meno soldi per le scuole, per i servizi sociali, per le strade, per la sanità. Venne innalzata l’età di pensionamento e licenziati tanti dipendenti pubblici, abbassarono i salari e al contempo le tasse furono aumentate. Dicevano che era inevitabile e promisero di moralizzare questo scandaloso commercio di asini.

Questa triste storia diventa più gustosa quando si scopre che il banchiere e i due truffatori sono fratelli e vivono insieme su un isola delle Bermuda ,acquistata con il sudore della fronte. Noi li chiamiamo fratelli Mercato. Molto generosamente, hanno promesso di finanziare la campagna elettorale del sindaco uscente.

Questa storia non è finita perché non sappiamo cosa fecero gli abitanti del villaggio.

E voi, cosa fareste al posto loro?

Che cosa farete?

Se questa storia vi ricorda qualcosa,ritroviamoci tutti nelle strade delle nostre città e dei nostri villaggi

Sabato 15 ottobre 2011, (Giornata internazionale degli indignati)

giulio cavalli

continua ...

inestricabile conflitto di interessi

L’elogio della Tv nel Paese del telecomando

La televisione resta il “super media” e “il consumo di televisione mantiene una assoluta centralità nella dieta mediale degli italiani” che, in media guardano “4 ore e 10 minuti di tv al giorno” mentre “il 94% dei cittadini utilizza la televisione per informarsi dei fatti della politica”.

“Nel rapporto con Internet, la televisione è ancora vincente (la televisione batte internet 13 ad 1 nel budget temporale degli italiani)”.

Sono questi - e molti altri - i risultati di uno Studio commissionato da Mediaset all’Istituto italiano per l’industria culturale allo scopo - più o meno trasparente - di dimostrare l’attuale centralità ed importanza dell’industria televisiva e la conseguente necessità di tutelarne il prodotto dagli attacchi dei pirati e parassiti che navigano e lavorano online... continua guidoscorza.it

continua ...

silvio resisti

è diventato paradossale il tempo che viviamo in questa italia delle giuggiole

alcuni di quelli che hanno contribuito alla costruzione della muraglia cinese attorno a silvio un imperatore dei nostri templi ( mafie, corruzione, religione, guerra, denaro ,disinformazione ), lo vorrebbero dismesso

ma dai , almeno i ratti che continuano a difenderlo sono coerenti.

prima di chiedere le dimissioni di altri, chiediamoci
se anche noi dovremmo dimetterci, anche solo dal considerarci degni della vita

qualora la coscienza ci desse il via libera

chiederemmo a questi esseri, dagli imperatori ai ratti di mettersi da parte per avvenuta scadenza della loro cittadinanza
diversamente la storia ci ha insegnato che se non se ne vanno con le buone, comunque se ne andranno
e non lasceranno nulla al futuro

continua ...

in italia esiste la mafia ( in senso globale ), perchè esistono...

quelli che nascono infelici
ossia nati male e vissuti peggio
ma vanno nelle chiese , votano e
sognano altri mondi ma non partecipano

continua ...

dimmi

continua ...

l'italia in mano ai mostri creati da silvio

 adesso lui ha paura
ed è solo
come tutti noi altri
siamo arrivati nel vicolo cerco
spegni tutto quello che è perdita di coscienza finche puoi scegliere

domani






continua ...

bossi il cagnolino di berlusconi

continua ...

un piccolo glande italiano


a cui piace la gnocca alla puttanesca

l'onanista vien di notte
con le balle tutte rotte
con il glande impertinente
piglia per il culo tutta la gente!.

continua ...

la Casta si comporta come una cosca criminale

LEGALIZZARE LA MAFIA di Viviana Vivarelli

Tutti sanno che Gianfranco Miglio è stato l’ideologo della Lega. Ma pochi ricordano volentieri che Miglio intendeva “legalizzare la mafia” In una intervista del 1999 dichiarò: « Io sono per il mantenimento anche della mafia e della ‘ndrangheta. Il Sud deve darsi uno statuto poggiante sulla personalità del comando. Che cos’è la mafia? Potere personale, spinto fino al delitto. Io non voglio ridurre il Meridione al modello europeo, sarebbe un’assurdità. C’è anche un clientelismo buono che determina crescita economica. Insomma, bisogna partire dal concetto che alcune manifestazioni tipiche del Sud hanno bisogno di essere costituzionalizzate. »
Oggi Miglio sarebbe soddisfatto, insieme a Licio Gelli, nel vedere che la Lega non ha proprio legalizzato la mafia, ma conferma la sua fiducia al Ministro Romano accusato di collusione mafiosa, mentre nel processo a Dell’Utri il giudice si è fermato graziosamente prima delle stragi del 92, per non implicare troppo Berlusconi. Dunque nella manovra del 2012, nella parte non detta, ci aspetteremo la legalizzazione della mafia, sia da parte di B, che già ha una propensione per questi “eroi”, che da parte di Bossi colpito da amnesia su quello che urlava un tempo sulle piazze. Sarà bene che i suoi adepti si adeguino e si cerchino altri nemici della Padania. I mafiosi sono stati ‘sdoganati’. Non ricattano più la gente, la proteggono. Pertanto Ferrara può ben dire che B ha versato centinaia di milioni a Tarantini e Lavitola per averne ‘protezione’. O Lavitola può dire che si era occupato di Tarantini solo per ‘fare beneficenza’. C’è un gran fervore di beneficenza in giro. Avete visto quanti milioni girano per beneficenza? E sempre dati a puttane, spacciatori o ricattatori, ma a fin di bene.
Ferrara diceva a Micromega” Se non sei ricattabile non puoi fare politica perché non sei disposto a fare fronte comune”. La beneficenza è questa. Io taccio su di te e tu fai beneficenza a me. Sono 18 anni che la Casta si comporta come una cosca criminale, ricatti, tangenti, omertà, furti di Stato, attacchi ai pm, stop alle intercettazioni, no alle autorizzazioni. Ma ora Berlusconi ha inventato il contenitore che tutto sana: la beneficenza, qualcosa che è ancor più repellente del “a mia insaputa” di Scajola o dell’Embé?” di Previti. Dopo tutto l’estetica avanti tutto.
Dice Travaglio: “Alla prossima festa della polizia, gli onorevoli si daranno alla fuga in massa: “Arriva la Madama” “Ci hanno beccati” “Oddio la Pula” “Passami il piede di porco” “Tagliamo la corda”.
da masadaweb.org

continua ...

il cliccante errante

esiste nonesiste
la padania secondo quel napoletano non esiste ma secondo i boss si,
la mafia per i mafiosi non esiste ma secondo gli italians si

indolenza,paura,apatia,ignoranza,opportunismo eccolo il pentacolo religioso che governa il quotidiano italiano

finchè non saremo milioni ad andare a protestare davanti al tempio
in modo che si caghino sotto talmente tanto da scollarsi automaticamente dalle poltrone che occupano, indegnamente, illegalmente, abusivamente
questi o i loro seguaci non ce li toglieremo più dai coglioni
alla rete non serve scarfacebook ,il grillo o il motore di ricerca
la rete siamo noi , uno ad uno, noi possiamo scegliere dove andare anche se i potenti ci inducono in tentazione a discapito di una grave perdita
l'io
il cliccante errante va dove 'i big' non si aspettano!
neutralizza il loro algoritmo!!?!

continua ...

silvio berlusconi è solo l'esecutore, by mikè

questa è l'ora dei mandamenti

continua ...

oggi al potere c'è chi ha ucciso i miei eroi

grazie agli avvocati che nella provicia di roma sono più numerosi che in tutta la francia
deduco che il numero degli avvocati è direttamente proporzionale
all'illegalità di quei paesi

continua ...

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina