▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

Fai parte del 98% ? Il test incredibile, provalo e fallo girare

Incredibile questa serie di test, resterai stupefatto. All’inizio non ci credevo neanche io, ma dedicagli cinque minuti, e vedrai.
I pubblicitari conoscono molto bene queste cose, loro vivono esattamente di questo genere di trucchi, sono connessioni sinaptiche molto comuni, che un sacco di gente è inconsapevole di avere. Condizionamenti della società, e se iniziano a partire da queste piccole cose, fin dove si spingono?
La prima volta che vidi questo test, una decina di anni fa, restai stupefatto, e oggi è ancora tutto esattamente così. Perché, nonostante il tempo passa, e con esso la società, alcune cose come quelle di questo test restano delle costanti?
Beatrice guidò Dante attraverso il Paradiso…
…ma prima gli fece un test, più o meno come questo
N.B. E’ stata proprio Beatrice ad inviarmi questo test!
Questo piccolo test è qualcosa di sorprendente, finchè non ci pensi un po’ su. Poi diventa ancora più misterioso.
Semplicemente segui le istruzioni seguenti:
  • NON scorrere il foglio troppo in fretta – fallo con calma e
  • segui le istruzioni seguenti esattamente, fai i calcoli a mente più in fretta che puoi
  • può aiutare il sussurrare a se stessi le risposte.
SEGUI queste istruzioni una alla volta, eseguendole il più rapidamente possibile!
Cominciamo…
>
>
>
>
>
>
>
> Quanto fa:
>
>
>
>
>
>
>
> 2+2?
>
>
>
>
>
>
>
> 4+4?
>
>
>
>
>
>
>
> 8+8?
>
>
>
>
>
>
>
> 16+16?
>
>
>
>
>
>
>
> Veloce! Pensa un numero tra 12 e 5.
>
>
>
>
>
>
>
> Fatto?
> Ora scorri il foglio.
>
>
>
>
>
>
>
> Il numero che hai pensato è il 7, giusto?
>
> Questa non è magia!!!!
>
> Liberta’ di scelta o reti di sinapsi?
>Fai tu. Prova il prossimo esercizio, garantito che resterai sorpreso.
> Non c’è trucco ne’ inganno, è una cosa scientifica.
> Segui semplicemente le istruzioni
>rispondi alle domande una alla volta e il più rapidamente possibile!
>Di nuovo, rapidamente più che puoi,
>ma non procedere fino a quando non hai risposto ad ognuna di esse.
>
> Ora, vai in BASSO (ma non troppo velocemente, potresti perderti qualcosa).
>
>
>
>
>
>
>
>
> Quanto fa: 1+5
>
>
>
>
>
>
>
> 2+4
>
>
>
>
>
>
>
> 3+3
>
>
>
>
>
>
>
> 4+2
>
>
>
>
>
>
>
> 5+1
>
>
>
>
>
>
>
> Ora ripeti nella tua mente il numero 6 più veloce possibile
> per 15 secondi, poi scorri il foglio.
>
>
>
>
>
>
>
> PRESTO!!! PENSA AD UN ORTAGGIO! Poi procedi in basso.
>
>
>
>
>
>
>
> Ancora più in basso…
>
>
>
>
>
>
>
> Stai pensando ad una carota, no? Altrimenti, sei tra quel 2% di gente la cui mente è abbastanza deviata da pensare ad altro.
> Il 98% delle persone risponderà “carota” qualora le sia dato quest’esercizio.
>
>
> Ora conta, possibilmente tutto di un colpo e senza impiegare troppo tempo,
> quante “F” sono comprese nel seguente testo:
>
> FINISHED FILES ARE THE RE-
> SULT OF YEARS OF SCIENTIF-
> IC STUDY COMBINED WITH THE
> EXPERIENCE OF YEARS.
>
>
>
>
>
>
>
> Fatto? Solo se sei pronto puoi continuare a leggere qui sotto… OK?
>
>
>
>
>
>
>
> Allora? Quante? Tre?
> Sei sicuro? O vuoi provare a rileggere un’altra volta?
>
>
> La soluzione la puoi trovare qualche riga più sotto…
>
>
>
>
>
>
>
> Le “F” nel testo sono in tutto SEI!!!
> Pare infatti che il cervello umano non sia in grado di elaborare gli “OF”
>
> Chi ha contato tutte e SEI le “F” al primo colpo è un Genio.
> TRE è normale … Quattro già un po’ più raro
> Affascinante, non è vero?!?!?
>
>
> Sapete chi sono i più bravi in questo tipo di giochetti?
> Chi crea gli spot pubblicitari e/o cura i programmi televisivi.
> In quel mondo NIENTE è fatto a caso ed il controllo che possono avere sul nostro modo di pensare non riusciamo ad immaginarcelo.
>
> Ancora: fate il semplice esercizio di seguito e… resterete nuovamente impressionati…
>
> Ti sei mai chiesto se il tuo spirito e’ normale o se e’ differente?
> Ok, fai seriamente il seguente esercizio di riflessione (ti prenderà 2 minuti) e troverai la risposta!
> Segui solo le istruzioni, e rispondi mentalmente alle domande una per una il più veloce possibile, pero’ non avanzare alla seguente senza aver terminato la precedente. Ti sorprenderai del risultato…!
>
> Ora, scendi, pero’ molto rapidamente
>
> Quanto fa:
>
>
>
>
>
>
>
> 15+6
>
>
>
>
>
>
>
> 3+56
>
>
>
>
>
>
>
> 9+2
>
>
>
>
>
>
>
> 12+53
>
>
>
>
>
>
>
> 75+26
>
>
>
>
>
>
>
> 25+52
>
>
>
>
>
>
>
> 63+32
>
>
>
>
>
>
>
> Sono piu’ difficili i calcoli mentali, pero’ e’ qui che c’e’ il vero esercizio, quindi prosegui…
>
>
>
>
>
>
>
> 123+5
>
>
>
>
>
>
>
> VELOCE! PENSA AD UN ARNESE E AD UN COLORE!
>
> E continua a scendere…
>
>
>
>
>
>
>
> Scendi di più…
>
>
>
>
>
>
>
> Ancora un po’…
>
>
>
>
>
>
>
> ………..Un martello rosso…!?!?!?!
>
>Se non ha funzionato, fai parte del 2% della popolazione che ha uno spirito abbastanza differente.
>Il 98% della popolazione risponderà un “Martello rosso” se gli diamo questo esercizio da risolvere.
I mass media sanno usare bene questi messaggi subliminali. Dunque, chi non ha azzeccato può riternersi al riparo da questi. Probabilmente è già riuscito a sintonizzarsi su frequenze più elevate. Gli altri… devono ancora lavorare….
fonte: www.newspedia.it

0 commenti:

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina