▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

Al Cafone non si smentisce


G20: BERLUSCONI CHIAMA “MR OBAMA”, LA REGINA LO “BACCHETTA”

(AGI) - Londra, 2 apr. - “Ma perche’ deve urlare?”. La regina d’Inghilterra non sara’ certo abituata alla ‘carica esplosiva’ di Silvio Berlusconi; e per questo non ha esitato un secondo a ‘bacchettare’ l’ospite che provocava rumore in sala. Ma il presidente del Consiglio, al suo arrivo a Londra, ha realizzato un altro dei suoi colpi di teatro. “La solita diplomazia della pacca sulla spalla” per i suoi detrattori; un’ulteriore dimostrazione di genio e simpatia per i suoi estimatori. Fatto sta che quel vocione che si sente nel video registrato durante la foto di famiglia a Buckingham Palace ha scatenato la risata generale dei presenti. E’ successo che Berlusconi, dopo essersi messo in posa con gli altri capi di Stato e di governo, ha chiamato il presidente americano a gran voce. “Mr Obama! Mr Obama!”.
Fonte stato-oggi.it


0 commenti:

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina