▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

“persona caratterizzata da un’evidente e profonda instabilità psichica”

E se domani Berlusconi desse di matto? di Valeria Rossi

No, non dico come al solito. Dico proprio di matto-matto. Insomma, abbastanza perché ve ne accorgiate anche voi, o vasto popolo della “sua” libertà.
Perché, quanto a smatteggiate di media dimensione, ieri er ducetto de noantri ha già fatto filotto.
In ordine crescente di gravità: a) ha replicato, capottandola, la terrificante gaffe dell’ “abbronzato”, dicendo che lui “ è più pallido” (invertendo l’ordine dei fattori, la gaffe non cambia. In compenso ribadire una battuta che ha scatenato l’indignazione di mezzo mondo è un chiaro messaggio: me ne frego di quello che dite e che pensate. Battuta cara al Duce, quello vero); b) visto che il suo piano di cementificazione selvaggia (chiamato anche “piano casa”) è stato bocciato, ha affermato che nun gliene po’ frega’ de meno (e due) e che farà un decreto per portare avanti ugualmente la cementificazione. Viva la democrazia, viva la “libertà” (sì, la sua, di fare quello che gli pare); c) ha sostenuto che i parlamentari “stanno lì per far numero”, ribadendo la necessità che a votare siano solo i capigruppo. Roba che neanche Pinochet; d) in tema di crisi, ha spiegato che per superarla basta lavorare di più. Cioè, perché mai un disoccupato dovrebbe preoccuparsi? Basta che si cerchi un altro lavoro! (d’altronde le offerte fioccano, è risaputo; stiamo ancora aspettando il milione di nuovi posti di lavoro che ha cominciato a prometterci nel ’91…).
Ma la chicca finale è la seguente: a chi è disoccupato, morto di fame, disperato, con una famiglia sulle spalle, propone di “darsi da fare anche imprenditorialmente”.
E come la impianta, questa impresa, il morto di fame? Semplicissimo: “contando sulla cassa integrazione”.
Ora, domanda: ma cos’altro deve fare, quest’uomo, per dimostrare che non ci sta con la testa?
Farneticare in mezzo alla strada? (no, questo lo fa già)
Violentare una rumena?
Mettersi a sparare all’impazzata in mezzo alla folla?
Tanto, volendo, può anche farle tutte, queste cose, essendo l’unico uomo sulla terra ad avere l’immunità globale.
Eh, sì: a chi mi continua a ripetere che anche in altri Paesi esiste l’immunità parlamentare, ricordo sempre che Berlusconi è l’unico uomo al mondo – oltre ad un paio di dittatori dichiarati - a godere di questa immunità per i reati comuni.
Berlusconi ha potere di vita o di morte su tutti noi: per ora ne fa uso solo cercando di impedirci di morire quando e come piace a noi (preferisce che schiattiamo quando pare a lui: d’altronde si crede Dio, quindi il ragionamento fila); ma se volesse – o se la sua malattia mentale degenerasse dall’attuale delirio di onnipotenza a un bel delirio di sterminio – potrebbe farci fuori tutti in mezzo alla strada.
E il giorno dopo non sarebbe in galera né al manicomio: sarebbe ancora il presidente del consiglio, perché lo può fare.
He can, altro che “we”.
Dite che non succederà mai? ... Leggi tutto ilponente.com

0 commenti:

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina