▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

è natal'elemosina

0h
grazie monti ararat
Arriva di nuovo Natale

la gente ? pi? falsa di prima

s'insegna ai bambini

a mentire

si aiuta l'ortica a salire

si porge la mano

si allunga una mancia

scordando di colpo per?

il male di pancia.

La prego, si accomodi pure

si sieda al tavolo dieci,

la smetta con i complimenti,

oggi siam tutti parenti

oggi ? Natale

oggi ? Natale,

passati due giorni per?

te la faccio pagare.

Y la noche llegar?

qui sas si cambiar?

la vida que es?

Y en dia llegar?

qui sas si cambiar?


/>
la vida que es?

E l'amore vincer?

el d? avolver?

la vida que es?

Panettone, champagne quella sera

a casa con tutti gli amici

mi sento fin troppo da sola,

seduta in mezzo ad un coro,

ho gli occhi pesanti

in certi momenti

la voglia di dire \\"non va\\"

rinchiusa tra i denti.

Y la noche llegar?

qui sas si cambiar?

la vida que es?

Y en dia llegar?

qui sas si cambiar?

la vida que es?

E l'amore vincer?

el d? avolver?

la vida que es?


(Grazie a Pino per questo testo)

0 commenti:

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina