▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

ricomincio da me

storie approssimative di esseri umani allo sbando.

ecco come si presenta l'italietta 2013.

Io, che pensavo il 2,1000 un viaggio nell'universo.
povero illuso era un numero sbagliato.
il padrone non apprezza l'intelligenza, preferisce lo spione, l'infame.
Parole semplici parole che possono usare tutti,
quindi il ladro che accusa il derubato di avergli rubato il tempo impiegato per il furto,
poi il morto accusato dal suo omicida di avergli fatto perdere tempo per quell'evento.
Follia, si così sarà il futuro ita.come, uno stato grandioso, vittima di sapete chi.
Lo stereotipo è pizza, spaghetti e mafia.
Indovinate cosa ha rifiutato il fondo monetario internazionale, o per noi la bce la banca centrale europea, alias i tedeschi?
Ovvvio pizza e spaghetti sono offshore ovverossia illegale, la MAFIA PRODUCE QUINDI È LEGALE,
adesso è tutto chiaro, basta convincere i miei compatrioti nel resistere,
se hai qualcosa tienitelo non venderlo, gli avvoltoi girano intorno a te.

0 commenti:

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina