▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

dettagli

ogni giorno qualcuno ruba il nostro tempo, il nostro spazio praticamente la nostra vita,

con distrazioni, con irrispettosità, con ignoranza

tutto per disperazione, abitudine, indolenza e frustrazione,

tutti legati all'impero mediatico-mafioso-istituzionale incapaci di dare sollievo alle proprie anime,

ai propri corpi morti prima del decesso effettivo,

tutti inconsapevolmente eterni nella loro vita squallida e anche se potranno aver visto e viaggiato in tutto il pianeta

non si saranno mai accorti di dettagli che avrebbero completato la loro piccola vita,

per tutto il resto c'è mastermafia

per informazioni più dettagliate sulla classifica di trasparency intenational sulla corruzione,

studiate le lingue, spegnete la tv e informatevi su chi vi da informazioni e chi gestisce le istituzioni,

per tutto il resto ci sei tu (Ogni minima parte che compone un insieme)!

anvedi

0 commenti:

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina