▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

Ma a chi ubbidisce Renzi? ... e che partito è uno che si fa votare dai suoi nemici per sopravvivere?


Il Pd si configura come un partito che usa solo metodi delinquenziali per trattenere un potere che ormai gli sfugge (3 milioni e mezzo di elettori persi alle politiche, crollo delle tessere, truffe elettorali, costante discredito tra gli elettori, chiusura dell’Unità e crisi di Europa, perdita di tutte le radici storiche, ideologiche e sociali, inciucio permanente con la dx delinquenziale e massonica di B, coinvolgimento con una cupola mafiosa a Roma, denunce a raffica ai piddini negli enti locali sostegno alle peggiori leggi mai viste in parlamento, leggi fatte a favori di ricchi e banche e contro i poveri e i lavoratori). Non si capisce più cosa sia più questo essere geneticamente modificato che si chiama Pd, ma certo è un Frankestein.
Gli ultimi troll che sui blog tentano disperatamente di negare l’evidenza di una cricca ormai senza etica e piegata a votare ogni nefandezza con quelli che dovrebbero essere i suoi nemici ideologici e morali dà l’idea di una voragine ormai senza fine dove affoga ogni credibilità e onore.
E’ gravissimo vedere un Pd ripiegato a Genova su un candidato fallito e decotto come Cofferati che a Bologna ha fatto solo del male al punto da essere impresentabile, e su una candidata ridicola e indecente come la Paita, responsabile come assistente al territorio assieme a un inetto come Burlando di quel dissesto idrogeologico che sta distruggendo la Liguria. E che i voti a questi due vengano addirittura dagli scajolani è ancora più grottesco.
Ma che partito è uno che si fa votare dai suoi nemici per sopravvivere?
E che leggi sono quelle imposte ad imperium da un Renzi che ha per consigliori:
-Verdini, indagato dalla Procura di Firenze per concorso in corruzione su appalti a Firenze e a La Maddalena, indagato dalla Procura di Roma per la cupola detta P3 , che avrebbe gestito appalti pubblici in maniera illecita, indagato dalla Procura di Roma di aver esercitato forzature sui giudici della Consulta e favorire il Lodo Alfano e per aver sostenuto la riammissione della lista civica regionale ‘Per la Lombardia’ collegata al candidato di cdx alle elezioni regionali del 2010 per Formigoni e aver favorito la nomina a Presidente della Corte d’Appello di Milano del pm Alfonso Marra, rinviato a giudizio per corruzione, indagato con l’accuso di tentato abuso d’ufficio su 4 appalti del terremoto de L’Aquila, indagato nell’ambito dell’inchiesta sulla P4, indagato per truffa allo Stato con la sua banca Credito cooperativo, e per concorso in corruzione per la scuola Marescialli di Firenze, e per bancarotta fraudolenta nel fallimento della Società Toscana Edizioni-
-L’altro consigliori di Renzi è Michael Ledeen, mente strategica della Guerra Fredda di Reagan, ideologo degli squadroni della morte in Nicaragua, consulente del Sismi negli anni della Strategia della tensione, una delle intelligenze nella guerra al terrore promossa da Bush, teorico della guerra all’Iraq e della potenziale guerra all’Iran, uno dei consulenti del ministero degli Esteri israeliano. Che ci è andato a fare uno così da Renzi?
Prima i soldi e gli indottrinamenti di Verdini, poi i contatti con questo ambiguo personaggio. Ma a chi ubbidisce Renzi? Di chi è l’uomo di paglia?

MODERATI E TERRORISTI
Viviana
E poiché il linguaggio è pensiero e il pensiero definisce l’essere umano, il danno che questi media e questi politicanti hanno fatto alla capacità di pensare e dunque di essere degli Italiani è incommensurabile.
Moderato è chi abolisce l’articolo 18 e azzera lo stato sociale o depenalizza la frode fiscale e il falso in bilancio.
Estremista è chi sogna la democrazia diretta, vuol chiudere la stagione dello strapotere partitico e lotta per restaurare la sovranità popolare.
Moderato è chi spende 45 miliardi in armi e decide di rientrare in guerra in agosto senza il voto parlamentare.
Estremista è chi è pacifista e cerca strade per limitare le guerre e le aggressioni vicendevoli cercando vie diverse di contatti dagli scontri armati.
Moderato è chi decide di metterci sotto il torchio di una cricca bancaria travestita da Europa.
Estremista chi rivendica autonomia e indipendenza da qualsiasi banda finanziaria.
Moderato è chi protegge un gruppo di potere mafioso delinquenziale salvandolo da qualunque responsabilità penale e politica.
Estremista è chi riconosce sovranità solo nel popolo e dà al popolo il diritto di espellere le male piante e di porre limiti tassativi al potere.
Moderato è chi straripa dai poteri che la Costituzione gli ha dato e tenta di scempiare la Costituzione stessa.
Estremista è chi sale sul tetto per salvare i principi ineliminabili e universali della Costituzione per salvare con essa la dignità e il rispetto dei cittadini.

0 commenti:

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina