▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

Facciamocene una ragione

Nel mezzo del cammin di nostra vita ci ritrovammo in una selva oscura....

Eppure ci avevano avvisati che in questo bel paese c'erano uomini, ominicchi, mezzeseghe, zerbini e indifferenti (io credo di essere uno di questi )

cioè persone che si sono tirati fuori dal gioco o giogo chiamatelo come volete, in attesa di chissa quale evento o di chissa che cosa,

nel frattempo altri proseguivano con le loro peculiarità, le loro abitudini, i loro desideri in una vita adattata al loro essere.

Gli uomini han continuato ad esser tali a costo di andare contro quella corrente che puzzava già alla fonte.

Gli ominicchi provarono a tapparsi il naso ma il tanfo fu tale che era quasi impossibile seguire gli uomini.

Le mezzeseghe guardarono gli eventi per meglio approfittare del tutto.

Gli zerbini avevano proprio l'indole dell'adattamento al più forte ( volgarmente si definisce prostituzione ).

Noi che siamo gli eredi di questo stivale da strapazzo, siamo rappresentati dai nostri rappresentanti nel mondo,

persone che non arrivano alla qualifica di ominicchi,

e come rappresentanti intendo tutti: dall'omertoso presidente della repubblica ( gli conviene essere omertoso, diversamente sarebbe gia al patibolo ), al neo presidente te lo sconsiglio, un vuoto che più vuoto non si può, amico di tutti e di nessuno, astronomicamente rappresenterebbe bene il vuoto, realmente rappresenta la mafia italiana nel mondo meglio di putin,

in ultimo, prima di ricordare che il politico è nato per essere mutevole,

vorrei dire a tutti quelli che hanno creato i problemi in italia,

che se avessero studiato bene prima di definirsi o ritenersi GIORNALISTI avrebbero dovuto risolvere i loro problemi persomali

e non coinvolgere un intero paese per i loro scazzi

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Anonimo ha detto...
L’errore commesso dai padri nel dopo guerra?
Non avere capito che il carattere non si forgia nell’agiatezza ma nel superare i problemi della vita quotidiana.
Gli scarsi risultati del 3° millennio? Sono da attribuire all’apatia dei Giovani
e alla disonestà (dei sessantottini che appartengono alla classe manageriale e politica) serva dei capitalisti che dopo là discesa in campo di SB ha spianato loro la strada.
Rendendo l’Italia quello che è. Un grande mercato delle vacche dove il popolo sarà solo lo spalatore di letame. Sono più di venti anni che non investono un fico secco in’Italia per ammodernare le industrie
Rende di più quotarsi in borsa e spostare gli stabilimenti nei paesi esteri dove il lavoro costa meno.
L'ITALIA è la patria del precariato funge da riserva del domani.
Quando il lavoro a basso costo nei paesi sottosviluppati finirà scongeleranno i nostri precari.
Ho fatto un sogno utopico? Il Popolo si destava (finalmente ) e si univa per formare una -SPA- del lavoro
Non esistevano più padroni chi aveva bisogno di manodopera si doveva rivolgere alla (-SPA-del lavoro)
Pagando la manodopera di qui abbisognavano ad un prezzo stabilito dalla (S.P.A del lavoro)
Il Tutto adeguando là manodopera al costo (reale) della vita ed hai costi di mercato
I Cosi detti padroni che hanno sfruttato avidamente per secoli non esistevano più.
il Popolo poteva scegliere Diventare padrone di se stesso ho prestatore di manodopera.
La differenza del padrone di se stesso?
Al padrone di se stesso Tolte le spese totali documentando il tutto rimaneva il 20% netto in più.
La vera UTOPIA? Cosi facendo in un solo colpo avevano fatto sparire tutta la classe Politica serva delle lobby
E le lobby stesse che non potevano più sfruttare il Popolo.
Annullando di colpo tutti gli sprechi Perché il Popolo aveva solo un pensiero comune
Unire le menti per fornire idee produttive con benefici per tutti.
Chi non accettava? Era libero di andarsene via portando con sé per carità cristiana solo il 20% dei suoi possedimenti.
PS Potrebbe essere un sogno che si avvera? Speriamo di SI.VITTORIO

Ⓐ☥☯ℓℓ☮ ha detto...

Bravo bella analisi e bel sogno,
aggiungerei solo che se le persone riuscissero a parlarsi senza filtri dovuti alla continua disinformazione dei media e mettessero in dubbio le notizie che arrivano quasi sempre a senso unico, qualche possibilità di cambiamento potremmo averla. Non aspettiamo che il mondo cambi, cominciamo a cambiare i nostri punti di vista cioè il mondo personale che ci circonda e quando tutti questi mondi saranno a contatto ne vedremo delle belle,
ciao.

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina