▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

il due di picche monti continua la sua crociata padronal-mafiosa

che si chiama decadenza come il suo predecessore , molto autorevolmente-mafioso berlusconi
ci mancavano a noi italiani i padroni-coglioni-internazionalioni
ca(nc)ro monti ma gli specchi che incontri sono oscurati o vedi quello che vedo io
un altro miserabile dietro pile di soldi, fossero libri probabilmente ti sarebbero più utili
che la mestizia religiosa, mafiosa, vergognosa, irreversibile sia con te e con tutti gli eredi che contaminerai solo per l'appariscenza
i tuoi amici chiamali pure come fai alla luce del solo come il ratto
ps: il suicidio di alcuni è visto come eutanasia-progresso, certo nelle società meno integraliste di quelle talebane, cattoliche e estremamente musulmane
certo anche i napolitani stanno lì a difendere l'indifendibile, ma tanto è(lucroso).


0 commenti:

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina