▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

l'uomo di Arcore, affiliato alla loggia massonica P2, amico del mafioso assassino Vittorio Mangano, di uomini della Banda della Magliana e protettore del comune di Fondi, infiltrato dalla camorra

RAI OKKUPATIONAL di Ferdinando Imposimato lavocedellevoci.it

Il direttore generale della Rai Mauro Masi, dopo avere voluto la rottura tra Sky e Rai, per la quale la tivvu' (ancora) di Stato perdera' circa 60 milioni di euro l'anno e gli abbonati Sky saranno privati della visione dei sei canali Raisat, si prepara a infliggere un colpo mortale a RaiTre e al TG3. Dalle colonne del Corsera del 25 agosto, Masi annuncia un ricambio al vertice che - commenta - non sara' legato al congresso del Pd.
Qual'e' il disegno dell'ex direttore generale della Presidenza del Consiglio? Strumentalizzare la battaglia congressuale del PD e, offrendo i suoi interessati servizi ad una delle parti in competizione, fare fuori i vertici di RaiTre Paolo Ruffini e Antonio Di Bella, colpevoli di aver consentito, nel silenzio degli altri canali, servizi che denunciavano gli scandali sessuali del premier con riflessi politici e istituzionali. Masi vuole che il Pd scelga presto i nuovi vertici. E' una manovra - spiega Nino Rizzo Nervo, consigliere Rai - contro gli attuali programmi di RaiTre. Della stessa idea e' la Federazione nazionale della stampa: RaiTre e' l'unica rete che svolge correttamente la funzione di servizio pubblico. Le altre cinque tivvu' generaliste sono omologate alla linea del governo.
Il pericolo attuale e' l'epurazione di Fabio Fazio, Milena Gabanelli e Serena Dandini, politicamente incontrollabili. Il presidente del consiglio, sopravvissuto politicamente alle vicende delle squillo a Palazzo Grazioli e a Villa Certosa, alcune delle quali assurte agli onori del parlamento e del governo per i favori concessi al principe, attacca quel minimo di liberta' di informazione concentrata in RaiTre. Sta per essere eseguito il diktat dell'uomo di Arcore, affiliato alla loggia massonica P2, amico del mafioso assassino Vittorio Mangano, di uomini della Banda della Magliana e protettore del comune di Fondi, infiltrato dalla camorra. Secondo il premier non puo' essere consentito ad una tv pubblica - RaiTre - finanziata con i soldi dei cittadini, di attaccare il governo. E' un giudizio assurdo. RaiTre non attacca nessuno: si limita a dare, con equilibrio e rigore, notizie precise sui comportamenti disdicevoli del capo del Governo. Notizie provenienti dalla stampa di tutto il mondo, di destra (The Times) e di sinistra (The Guardian), stupita del silenzio dei media italiani, ad eccezione di RaiTre, Repubblica e Unita'. E' invece RaiUno, del servizievole Augusto Minzolini, a venir meno al suo diritto-dovere di informare compiutamente la pubblica opinione, pur essendo pagata per questo.
Non puo' essere consentito ad un presidente del consiglio di godere del silenzio-omerta' sui favori sessuali di una serie di prostitute, ottenuti sfruttando la sua qualifica pubblica ed usando aerei dello Stato per il loro trasporto. Ne' puo' essere permesso che la scelta di alcuni rappresentanti del popolo avvenga non per meriti personali in qualche campo, ma come retribuzione per piu' o meno eccellenti prestazioni erotiche a favore del premier e dei suoi ospiti. Non e' politicamente, moralmente e forse anche penalmente indifferente che siano decise candidature-nomine di squillo al Parlamento nazionale - la legge elettorale porcata con liste bloccate e senza voto di preferenza fu voluta in funzione della “nomina” delle squillo da parte del cavaliere? - o al Parlamento europeo, solo o prevalentemente per “meriti” erotici. L'attacco alla dignita' delle istituzioni repubblicane e' stato all'inizio denunziato dalla moglie di Berlusconi, Veronica Lario. E il marito si e' servito della tivvu' pubblica per la propria difesa, imperniata su una serie di bugie spudorate, tutte venute alla luce del sole. Ma non e' successo niente.... leggi tutto lavocedellevoci.it

0 commenti:

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina