▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

informazioni alla ca22o

il popolino non è in grado di attutire il colpo che la o le verità potrebbero scaturire !?!?

questo è il segreto dello Strato di merda che si crea fra i governanti ed il popolo! lo chiamano stato ma rimane uno strato, la storia dell'uomo è come la storia degli elementi!

Il popolo è accondiscendente,tollerante, ignorante, pavido ma storico, ha memoria, certo diversa dalle semplici vite umane,

per presempio, guardando la stuatua della libertà, verrà qualche dubbio,

ma se bush è il figlio di bush, e obrama dice quello che dice!?

vuol dire che 'sti esseri sono a servizio.

a questo punto non interessa conoscere i padroni (?),

è sufficente eliminare il mezzo di cui si servono,

tant'è che il fondatore di facebuke risulta un nipote di rockfeller,

ed i fondatori, forse anche loro fake, di gogol un pò amerikani ed un pò rossi,

il risultato,

immagina un mondo senza elettricità?

il loro potere sarebbe nullo.

i contadini diverrebbero nuovamente fondamentali,

arrivederci a diano marina

0 commenti:

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina