▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

Ma davvero Renzi pensa di scavalcare Lupi come fosse una merdina senza sporcarsi le scarpe?

Viviana
Nel Medioevo si distinguevano due tipi di diavoli: i succubi e gli incubi.
Ovviamente gli incubi sono i Lupi.
Il Cielo abbia pietà degli altri!
Maurizio Lupi si dimette da ministro ma resta capogruppo di Alfano in Parlamento. Così non perde le immunità e i privilegi, vitalizi compresi.

Ma chiedere le dimissioni anche per quella gatta morta di Alfano no? Non è un affronto alla Giustizia (con la G maiuscola) avere un Alfano come Ministro della Giustizia? Peggio ancora di Mastella, il che è tutto dire. Almeno Mastella era furbo, Alfano è una nullità completa.
I Lupi stanno aggrappati unghie e denti al potere, assistiti dal resto del branco. Non vedo, non sento e non parlo. Omertà assoluta. I Lupi stanno tra noi e fanno proseliti, come i vampiri, le mignotte e le mignatte.
E’ ovvio che questi malfattori la democrazia diretta non la vorranno mai. E vedranno sempre i 5stelle come un orzaiolo nell’occhio. Non si curano di Sel, di Tsipras, dei sindacati, della Lega. Ma i 5stelle sono per loro come per il diavolo l’acqua santa.
E hanno pure la faccia di rifiutare il reddito minimo ai più poveri, non paghi di quello che rubano a man bassa! Quante opere si potevano fare coi miliardi di soldi pubblici che quelli come Lupi hanno aiutato a rubare? Quante Grandi Opere malfatte o inutili ci potevamo risparmiare? Quanto territorio potevamo mettere a posto?
Ma davvero Renzi pensa di scavalcare Lupi come fosse una merdina senza sporcarsi le scarpe?
Vogliamo ricordare per la cronaca che i PIANI OBIETTIVO con cui si saltavano le precauzioni prese contro corruzione e mafia furono confermati e approvati da Prodi?
Vogliamo ricordare che la figura più grande e più diabolica di Comunione e Liberazione fu Andreotti che scansò pene pesantissime per collusione mafiosa solo grazie a prescrizioni altrettanto diaboliche che nessun Paese civile della Terra avrebbe mai legiferato e che Andreotti fu sempre il nume centra di quel csx che sfocia ora nel renzismo?

...

Ora si capisce perché Renzi il ripristino del territorio e delle scuole con centinaia di piccole opere non lo voleva proprio fare.
E come le metti le grosse tangenti sulle piccole opere?

Signore e Signori, Buonanotte - Intervista ad un politico




1 commenti:

Dagobert ha detto...

Ho scritto in un commento che se dovessimo togliere dal parlamento tutti quelli che hanno pendenze con la giustizia, rimarrebbero solo gli "USCIERI E DATTILOGRAFI".
Non crederò mai, neanche si tagliassero i "zebedei", che non sapevano nulla dello sporco giro di affari che serpeggia nei pallazzi del potere ad opera dei "BUROCRATI e MANEGGIONI".
Sono certo che tutti sanno ma fanno finta di non vedere perchè, quei personaggi servono ad ottenere ciò che non si può ottenere legalmente.
"QUESTA CHIAMASI CORRUZZIONE" e puzza come ha detto papa Francesco, ma tutti si tappano il naso.
Renzi voleva rottamare tutto e tutti! Ma dove!
Il suo è solo fumo negli occhi e quindi è peggio degli altri.
E noi popolo li votamo. Poveri noi!

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina