▼ News ▼ Diano Marina ▼ Immagina ▲ Top
Cultura: l'unica droga che crea indipendenza. le notizie sono «fatti»... oppure «opinioni»... ?

lo tsunami che sta arrivando

BLACKROCK

di Viviana Vivarelli

Come mai Larry Fink, capo di BlackRock, è andato a parlare in questi giorni proprio con Renzi? Che cosa ha garantito Renzi a questa multinazionale della finanza, il più grande fondo di investimento al mondo con oltre 4.300 miliardi di dollari in gestione, il cui Pil sta alla pari di quello di Cina, Stati Uniti e Giappone? Voi piccolini continuate a pensare in termini di Stati, di ideologie, di popoli. Vi scervellate intorno a questioni minimali come gli 80 euro. Ma è un plagio. Una delle tante armi di distrazione di massa. I veri problemi sono altrove. I popoli sono messi in miseria, poi li si lascia accanirsi su qualche briciola, così non disturbano, ma i veri giochi sono altri. Le vere potenze, oggi, non sono gli Stati, sono i capitali. Sono i capitali che fanno le guerre, creano il debito, dissanguano i popoli, danno ordini dai capi di Stato, distruggono le Costituzioni.
BlackRock è uno di questi poteri, superiore a Russia o Cina, colosso della finanza, primo investitore per masse gigantesche di capitali investite a Wall Street.
E perché questo cultore del profitto privato dei più grandi magnati della Terra dovrebbe conferire con Renzi? Perché BlackRock ha scelto proprio Milano per il suo congresso annuale che raccoglie i 150 responsabili del fondo a livello mondiale? Cosa deve garantire il premier di Rignano a questi player del grande gioco della finanza mondiale nella sua opera di spoliazione? E come mai questi potenti scelgono sempre per i loro assassini di massa le capitali finanziarie dei Paesi che vogliono spolpare?
Guarda caso, BlackRock è il primo investitore di Piazza Affari. Attraverso i suoi fondi controlla l’1,5 % del totale del capitale delle società quotate italiane. Su 40 aziende che fanno parte del listino principale, le cosiddette blue chip, BlackRock ha una partecipazione superiore al 2% in 22 casi. Ma potrebbero essere anche tutte, perché non c’è obbligo di dichiarare la partecipazione per quote inferiori al 2 %. E come mai da qualche mese BlackRock ha deciso di puntare e ha ampliato i suoi investimenti nelle società italiane della Borsa, a cominciare dalle banche, diventando il primo azionista di Unicredit, Intesa, Mps, Ubi, Banco Popolare con quote tra il 6 e il 4 %, con pacchetti importanti anche in Telecom (7,7%), Atlantia (5%), Parmalat (3,1%), nonché delle società controllate dalla Stato come Eni (2,6%) Enel (2,7%), Finmeccanica (2,2%) e Terna (2,1%)?
E cosa c’entra il fatto che Renzi voglia privatizzare colossi pubblici come Poste e Fincantieri?
Il popolo lo sa che per ogni privatizzazione che viene fatta, l’Italia-Paese e gli Italiani-cittadini fanno un passo indietro? E che ci guadagna solo il grande capitale? O è bastato dar loro il giochino degli 80 euro su cui accapigliarsi perché i grandi del mondo facessero in pace i loro affari sporchi?
Chi c’è dietro Blackrock, il fondo Usa che si sta comprando l’Italia?
BlackRock ha messo le mani su Intesa, Unicredit, Montepaschi, Telecom. Il più grande fondo del mondo ha preso di mira il nostro paese. E poi, ancora, quote importanti in Fiat, Generali, Mediaset.
Nato nel 1988, l’anno dopo il grande crollo di Wall Street, Blackrock oggi investe in tutto il mondo. La prima regola per fare soldi è comprare basso e oggi in Italia si compra a prezzi di saldo, grazie alle politiche neoliberiste europee, all’austerity, alla Troika che ci hanno buttato a picco e hanno fatto fallire migliaia di nostre imprese mentre i boss si compravano tutti i nostri grandi marchi.
Prima ti indebitano, poi ti rovinano, poi ti comprano per due soldi e distruggono la tua democrazia.
Perché Renzi si accorda con costoro?
BlackRock è nata con gli hedge fund, la separazione tra banche d’affari e banche d’investimento, il ricatto delle agenzie di rating, il misfatto di organizzazioni antidemocratiche come la Bce.
BlackRock è legata al potere USA e ha sempre cercato di salvare le grandi banche truffaldine come la Lehman, mentre le agenzie di rating compiacenti (e quotate in Borsa in pieno e illegale conflitto di interessi!!) davano valutazioni favorevoli alle banche fallimentari come ai titoli tossici!
BlackRock è il più potente fondo del mondo, che oggi gestisce un patrimonio di 4.324 miliardi di dollari, quasi il doppio del debito pubblico italiano.
E perché allora Larry Fink, tra i fondatori e oggi CEO di Blackrock, il più importante personaggio della finanza mondiale va a parlare proprio con Renzi?
I grandi capitalisti USA sono in cerca di utili vantaggiosi: in America il tasso di interesse sul reddito fisso è basso, i mercati emergenti stanno chiudendo, la Cina presenta grandi incertezze, l’America è sopravvalutata. E resta dunque loro il sacco europeo, l’Italia da spogliare!
Siamo entrati nel loro gioco! Siamo le loro prossime prede! Ecco perché tutto va male ma lo spread è basso e i titoli si vendono, il che vuol dire che il debito sale!
Ecco perché tanto urlare manovrato attorno agli 80 euro affinché i tapini non si accorgano dello tsunami che sta arrivando!


ORWELL
Praticano la tecnica orwelliana
incolpare l’avversario dei propri vizi
rovesciare il senso delle parole
chi mira a una dittatura incolpa gli avversari di essere fascisti
chi distrugge una democrazia dice che sono gli altri ad essere antidemocratici
chi è colluso col sistema finanziario finge di penalizzare le banche mentre regala loro 7 miliardi e mezzo e non pone mezza regola ai loro intrallazzi
i ladri incolpano gli altri di furto
chi tratta i propri elettori come dei burattini deficienti chiama ‘guru’ chi cerca di farli ragionare e decidere da sé
i mafiosi esecrano l’omertà
i piduisti condannano la democrazia parlando di sette
i violentatori di popoli attaccano le violenze verbali delle vittime
se piangi ti deridono
se accusi ti calpestano
se reclami i tuoi diritti ti chiamano terrorista
se sei dell’opposizione ti mettono fuori legge con l’alibi della democrazia.

continua su masadaweb.org

3 commenti:

Anonimo ha detto...

amico mi hai convinto, voto PD

Anonimo ha detto...

Cose che differenza l’uomo dà gli ANIMALI.

Da persona ignorante mi sono posto spesso questa domanda e questa è la risposta che mi è venuta

Il Regno ANIMALE si differenza dal nostro mondo perché privo d’ipocrisia egoismo e sete di onnipotenza.

Nel MONDO degli UMANI chi comanda sottomette il POPOLO.

Questo nel regno ANIMALE non succede è il capo branco che si espone ha difesa del suo branco.

Se prendessimo esempio dalla NATURA il MONDO Sarebbe migliore.

Se chi comanda dovesse battersi personalmente per il POPOLO
come per incanto scoppierebbe la PACE nel MONDO. PS

Mi
sono chiesto spesso cose
L’Utopia e da ignorante l’unica risposta che mi è venuta in mente

È L’UTOPIA è la scintilla che
manca a l’essere umano per essere simile ha DIO. VITTORIO

antonello ha detto...

All'amico che ho convinto di votare quel partito,
mi fa piacere accompagnare alcune persone verso una scelta, qualunque essa sia, 'Veritas filia temporis' (La verità è figlia del tempo),

all'amico Vittorio dico solo che le tue parole le ritengo senza tempo, vanno bene per tutte le stagioni,

ps: tutti siamo ignoranti perchè tutti ignoriamo qualcosa.

nel paese ... dei balocchi ...

Una democrazia non può esistere se non si mette sotto controllo la televisione, o più precisamente non può esistere a lungo fino a quando il potere della televisione non sarà pienamente scoperto. Dico così perché anche i nemici della democrazia non sono ancora del tutto consapevoli del potere della televisione. Ma quando si saranno resi conto fino in fondo di quello che possono fare la useranno in tutti i modi, anche nelle situazioni più pericolose. Ma allora sarà troppo tardi.
Karl Popper

Anarchico è colui che dopo una lunga, affannosa e disperata ricerca ha trovato sé stesso e si è posto, sdegnoso e superbo "sui margini della società" negando a qualsiasi il diritto di giudicarlo.
Renzo Novatore (da I fiori selvaggi, in Cronaca Libertaria, 1917). 

commenti


mafiosamente


Loading...

in rete

L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più. Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio. Italo Calvino


Diano Marina